logo Winckler’s Webzine
Le site personnel de Martin Winckler
logo

 Sommaire | Edito | In italiano | Courriers et contributions | Contraception et gynécologie | Radio et télévision | Lectures | Mes Bouquins | Les médecins, les patients, et tout ce qui s’ensuit... | WebTV | Être un(e) adulte autiste...
Recherche
In italiano > Contraccezione e ginecologia >

Aggiornamento
Contraccezione tramite "spirale" nelle giovani : buone notizie in tema di contraccezione.
Perché proporla come primo metodo contraccettivo
Article du 16 janvier 2015

Nonostante i metodi contraccettivi disponibili, le gravidanze indesiderate nelle adolescenti sono frequenti. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è a favore dell’utilizzo del dispositivo intra-uterino (DIU ; "spirale") come primo metodo contraccettivo nelle adolescenti indipendentemente dall’età.

Nonostante i metodi contraccettivi disponibili, le gravidanze nelle adolescenti sono frequenti (negli USA su 1000 donne fra i 15 e i 19 anni, 34.3 restano incinte e portano a termine la gravidanza), e soprattutto le gravidanze indesiderate (82%). È una realtà valida in tutto il mondo (Svizzera e Paesi Bassi esclusi). Dati come questi hanno spinto diverse organizzazioni, fra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), a pubblicare delle raccomandazioni per l’utilizzo di un metodo come il DIU in prima intenzione, nelle giovani donne, indipendentemente dall’età e da precedenti gravidanze.

Cavalcando quest’onda, la Revue Medicale Suisse (Navarria I et al., Rev Med Suisse 2015 ;11:78-8) dichiara a chiare lettere che : “il dispositivo intrauterino (DIU, spirale) deve far parte della lista dei metodi contraccettivi da proporre a tutte le donne, indipendentemente dall’età o da precedenti gravidanze”.

Questo articolo peraltro rincara la dose nello sfatare due miti che fanno fatica a morire :

1. Il DIU aumenta le infezioni pelviche. FALSO.
La causa di un’infezione sono i rapporti sessuali non protetti (preservativo che, ricordiamolo, è un buon metodo per prevenire le infezioni, un po’ meno per prevenire le gravidanze) con persone infette da malattie sessualmente trasmissibili. Che si abbia, o no, il DIU.

2. Il DIU può causare infertilità (e in Francia ha l’infelice nome di “sterilet”). FALSO.
E non solo : dopo l’asportazione del DIU le donne sono rapidamente fertili, come prima dell’inserzione dei DIU.

È bene ricordare, come pubblicato nel New England Journal of Medicine nel 2012 (Winner B, et al. New Engl J Med 2012 ; 366 : 1998-2007) che rispetto alla pillola, l’anello vaginale o il patch, il DIU ha un tasso di fallimento (leggasi : gravidanza indesiderata) di 20 volte (!!!) inferiore. Inoltre nelle donne con meno di 21 anni, il rischio di fallimento è doppio rispetto a quelle di più di 21 anni ; non vi è alcuna differenza invece per quel che riguarda il DIU.

Ma forse, e leggerlo fa bene, riscalda il cuore, e tutti i medici dovrebbero ripeterselo più volte al giorno, come un mantra : "la scelta del metodo contraccettivo appartiene alla donna, che sia maggiorenne o no, in funzione dei suoi bisogni, delle sue idee, dei suo valori, ecc."

Ancora una vola i medici sono lì per informare, guidare, accompagnare.
Non per imporre, e giudicare. Questo lo sappiamo tutti... o no ?

Per informazioni più generali sul DIU, leggete l’articolo "Tutto ciò che una donna deve sapere per mettere la spirale" http://martinwinckler.com/spip.php?article1106 http://martinwinckler.com/spip.php?...

IMPRIMER
Imprimer


RSS - Plan du site  - Site conçu avec SPIP  - Espace Privé