logo Winckler’s Webzine
Le site personnel de Martin Winckler
logo

 Sommaire | Edito | In italiano | Courriers et contributions | Contraception et gynécologie | Radio et télévision | Lectures | Mes Bouquins | Les médecins, les patients, et tout ce qui s’ensuit... | WebTV | Être un(e) adulte autiste...
Recherche
In italiano > Contraccezione e ginecologia >

NIENTE PANICO !!!
Prendo una pillola di terza o quarta generazione… cosa devo fare ? Smettere ? Continuare ?
DI MARTIN WINCKLER (DR MARC ZAFFRAN) (tradotto da Matteo Coen)
Article du 3 février 2013

Dunque… state prendendo una pillola contraccettiva e siete un po’ preoccupate. Capisco.

Questo articolo riassume quello che dovete sapere e cosa dovete fare in pratica (continuare a prenderla o no ?) se state prendendo una pillola di terza o quarta generazione. Potrete riuscire a capire quel che sta accadendo senza dover leggere una quantità di articoli…

Per prima cosa, non bisogna diabolizzare TUTTE le pillole contraccettive, nonostante il casino che c’è in questo momento sulle pillole di terza e quarta generazione. Non bisogna neppure rendere le cose complicate, facendo dei discorsi da specialisti. Il punto è questo : troppi medici si sono comportati in maniera molto “disinvolta” ed hanno dimenticato che alcune pillole (per l’appunto quelle di 3° e 4° generazione) non andrebbero mai prescritte come primo metodo contraccettivo. Perché, in questo caso, il rischio di avere un incidente vascolare trombo-embolico (la formazione di un trombo, cioè un coagulo, in una vena o un’arteria, o una flebite, o un’embolia polmonare, o un ictus) diventa elevato.

Detto questo, prima di precipitarvi da medico ricordatevi che :

1° il rischio di un incidente vascolare esiste con TUTTE le pillole, ma in ogni modo è inferiore al rischio vascolare che si corre durante una gravidanza. Certo, non è la stessa cosa (nella gravidanza il rischio è calcolato), ma con questo voglio ricordarvi che il rischio è basso…

2° le donne più a rischio sono quelle :

- che prendono una pillola di 3° o 4° generazione come prima pillola contraccettivo E la stanno prendendo prendono da meno di 2 anni, o

- che hanno più di 35 anni e/o fumano

Ecco quello che c’è da fare (in termini semplici e chiari). FATE PASSARE L’INFORMAZIONE !!!

NB : Le raccomandazioni qui di seguito valgono anche per le donne che portano l’anello vaginale (Nuvaring) e il cerotto (Evra), perché contengono gli stessi farmaci delle pillole di 3° generazione.

Questo articolo è la traduzione di : Je prends une pilule de 3e ou 4e génération. Dois-je l’arrêter ? Puis-je la poursuivre ?

PRENDO UNA PILLOLA… DI CHE GENERAZIONE È ?

Per avere la risposta potete consultare la tabella dell’ANSM (Agence Nationale de Sécurité du Médicament) : in questa tabella le pillole pericolose per “le donne a rischio” (vedi sopra) sono nei riquadro blu ed arancio, alle pagine 1 e 2.
(Chi non è proprio agio con questa tabella in francese può trovare in fondo all’articolo un elenco il più possibile esaustivo delle pillole in commercio in Italia e della loro generazione N.d.T. )

Nota importante :

se prendete una pillola che contiene solo il progestinico non correte alcun rischio. Le pillole “rischiose” sono quelle che contengono l’estrogeno (dal momento l’estrogeno può favorire l’insorgenza di incidenti vascolari). L’estrogeno che più frequentemente si trova nelle pillole è l’etinilestradiolo ; nelle pillole di 2°, 3°, o 4° generazione è associato a un progestinico.

SE STO USANDO UNA PILLOLA È DI 3° o 4° GENERAZIONE, COSA DEVO FARE ? SMETTO ? LA SOSTITUISCO ?

NB : Le raccomandazioni qui di seguito valgono anche per le donne che portano l’anello vaginale (Nuvaring) e il cerotto (Evra), perché contengono gli stessi farmaci delle pillole di 3° generazione da più di due anni.

Ci sono diversi casi possibili :

1. – La pillola di 3°-4° generazione che state prendendo è la vostra prima pillola contraccettiva e la prendete da meno di due anni (vale anche per l’anello vaginale o il patch)

In questo caso, andate dal medico e domandategli di sostituire la pillola che state prendendo con una di 2° generazione. Potete cominciare subito, non importa a che pillola eravate arrivate. La contraccezione è assicurata, e i rischi legati alla pillola di 3° o 4° generazione si ridurranno da subito.

2. Avete meno di 35 anni, la pillola di 3°-4° generazione che state prendendo è la vostra prima pillola contraccettiva, ma la prendete ormai da più di due anni,

oppure,

3. Avete meno di 35 anni, state prendendo una pillola di 3°-4° generazione che NON è stata la vostra prima pillola contraccettiva, ma in ogni caso è da più di due anni che prendete una contraccezione con pillola (a prescindere dalla generazione)

Se NON fumate :
- il vostro rischio cardio-vascolare è basso e potete continuare a prendere la pillola che già stata prendendo senza problemi (N.B. il fumo aumenta il rischio di incidenti trombo-embolici).

Se fumate avete tre alternative :
1. Cambiare la pillola con una di seconda generazione
2. Smettere di fumare
3. Cambiare metodo contraccettivo (le donne che fumano posso prendere qualsiasi metodo contraccettivo che non contenga estrogeni).

4. Avete meno di 35 anni e fumate

Chiedete che vi sia prescritta una pillola di 2° generazione, o cambiate metodo contraccettivo e usatene uno senza estrogeni (pillola progestinica, impianto, IUD –spirale- al rame, IUD ormonale). Dal momento che con l’età il rischio di incidenti trombo-embolici aumenta, tanto vale non aumentare il rischio ulteriormente prendendo una pillola di 3°-4-o generazione. NOTA IMPORTANTE : gli estrogeni sono FORTEMENTE SCONSIGLIATI, dopo i 35 anni, alle donne che hanno avuto dei casi di cancro del seno in famiglia (sorella, madre, zia materna, nonna materna…).

5. Avete più di 35 anni e fumate

Se la vostra pillola contiene degli estrogeni (a prescindere dalla generazione) bisogna che prendiate una decisione :
- o smettete di fumare,
- o passate ad un metodo contraccettivo senza estrogeni.
Dopo i 35 anni il tabacco aumenta il rischio di incidenti trombo-embolici nelle donne che prendono estrogeni.

A PRESCINDERE DALL’ETÀ :

Se prendete una pillola che contiene del ciproterone (Diane, Visofid), dovete sapere che questo farmaco NON PUÒ e NON DEVE essere prescritto come pillola contraccettiva, perché la sua attività contraccettiva non è assicurata. Questa pillola fa correre un rischio cardiovascolare che superiore a quello delle pillole di 2° generazione. Vi consiglio di smettere questa pillola, e di cambiare contraccezione. ANCHE se ve l’hanno prescritta per l’acne : un po’ di acne si può sempre curare, mentre una gravidanza indesiderata o un incidente trombo-embolico sono molto più problematici.

Se prendete una pillola che contiene il drospirenone (Yasmin, Yasminelle, Yaz o altro ; vedi sotto) state prendendo una pillola (di 4° generazione) i cui effetti secondari possono essere ancora più gravi (in particolare rischi renali, disidratazione, perdita di potassio, rischio di aritmie cardiache…). Vi consiglio davvero di cambiarla., anche se vi è stata prescritta per l’acne. Un po’ di acne si può sempre curare. Una gravidanza non desiderata o un effetto secondario grave sono molto più problematici.

Se prendete una di queste pillole e volete davvero continuare a prenderle, vi consiglio davvero di andare dal medico perché vi dia un’INFORMAZIONE COMPLETA sui rischi connessi a questo tipo di contraccezione.

IN QUANTO TEMPO DEVO SMETTERE E/O CAMBIARE PILLOLA ?

Se vi rispecchiate nel punto 1 qua sopra, cioè : la pillola di 3°-4° generazione, che state prendendo è la vostra prima pillola contraccettiva e la prendete da meno di due anni (vale anche per l’anello vaginale o il patch : avete assolutamente il diritto di smettere di prendere questa pillola, e di farvene prescrivere dal medico un’altra (di seconda generazione). L’unica cosa che il medico deve fare è… farvi la ricetta, non c’è bisogno di null’altro. Mentre aspettate di cominciare a prendere la nuova pillola prendete delle precauzione : USATE IL PRESERVATIVO DURANTE TUTTI I RAPPORTI SESSUALI, in ogni caso (cioè : a prescindere dal momento del ciclo in cui eravate). NOTA BENE, potete iniziare a prendere la nuova pillola in qualsiasi momento, e non ha nessuna importanza a che pillola della vecchia scatola eravate arrivate).
In tutti gli altri casi (punti 2-5), se volete cambiare pillola, fatelo, ma non c’è nessuna urgenza !

NON VOGLIO PIÙ PRENDERE UNA PILLOLA CON ESTROGENI. LE ALTRE PILLOLE HANNO GLI STESSI EFFETTI SECONDARI ?

No. Solo le pillole estro-progestiniche espongono al rischio trombo-embolico. Le pillole che contengono solo il progestinico non sono affatto pericolare, è l’estrogeno ad essere pericoloso. Il progestinico che viene associato all’estrogeno nelle pillole combinate riesce a controbilanciare solo in parte l’effetto nocivo dell’estrogeno. Questo “bilanciamento” è molto meno buono nelle pillole di 3° e 4° generazione, rispetto a quelle di 2° generazione.

LA PILLOLA “CERAZETTE”, LO IUD (SPIRALE) MIRENA E L’IMPIANTO “NEXPLANON” CONTENGONO DEI PROGESTINICI SIMILI A QUELLI CHE SI TROVANO NELLE PILLOLE DI 3° E 4° GENERAZIONE. SONO METODI PERICOLOSI, QUINDI ?

No. È la presenza degli estrogeni (etinil-estradiolo, estradiolo) a favorire gli incidenti trombo-embolici. Un metodo contraccettivo che non contiene degli estrogeni, ma sono il progestinico, non è pericoloso.

NON VOGLIO PIÙ PRENDERE ORMONI. CHE METODO CONTRACCETTIVO POSSO USARE ?

Il metodo di scelta è lo IUD al rame (IUD=intra-uterine device, la “spirale”). Può essere messo anche se non avete mai avuto una gravidanza. Anche se avete meno di 18 anni. Anche se non avete mai avuto rapporti sessuali [1]. Consultate questa pagina.

RIASSUMENDO :

Ci sono poche situazioni in cui è ASSOLUTAMENTE CONSIGLIABILE smettere di prendere una pillola di 3° o 4° generazione e sostituirla con una di seconda generazione, o un altro metodo contraccettivo ;

Avete sempre il diritto di cambiare metodo contraccettivo, se volete sentirvi più sicure ;

ATTENZIONE, però : se smettete di prendere una contraccezione dall’oggi al domani e non prendete nessuna precauzione, il rischio di restare incinte È MOLTO SUPERIORE (80 donne/100, all’anno) AL RISCHIO DI INCIDENTI VASCOLARI (20-80 donne/100000, all’anno).

Quindi, se decidete di sospendere la pillola in maniera brusca :

1. usate dei preservativi

2. Andate in fretta a farvi prescrivere un altro metodo contraccettivo.

Martin Winckler (Dr Marc Zaffran)
Tradotto da Matteo Coen.


Pillole in vendita in Italia (e loro generazione)

(a cura di Matteo Coen)

Per avere un’idea della generazione della vostra pillola, potete guardare il nome dell’ormone contenuto nella vostra pillola e cercarlo nell’elenco qua sotto.

Pillole di seconda generazione

Sono pillole che contengono i progestinici : levonorgestrel, noretisterone, norgestrel

Etinilestradiolo + Levonorgestrel

Evanor D, Novogyn, Microgynon, Ovranet, Egogyn, Trigynon, Trinordiol, Miranova, Lovette, Loette, Lestronette, Naomi, Combiseven, Femity

Estradiolo + Noretisterone

Activelle, Estalis Sequis

Etinilestradiolo + Norgestrel

Eugynon

Pillole di terza generazione

Sono pillole che contengono dei progestinici più nuovi (ma che aumentano il rischio di trombo-embolia !) rispetto alle pillole di prima e seconda generazione : Desogestrel, Gestodene, Norgestimate, Norelgestromina, Etonogestrel (deriva dal metabolismo del Desogestrel che si trova nell’anello vaginale NuvaRing e negli impianti Explanon e Implanon). Oppure contengono, al posto del progestinico, un altro composto chimico che mima l’azione del progestinico come il ciproterone (le pillole che lo contengono non dovrebbero MAI essere usate come pillole contraccettive) e il clormadinone.

Etinilestradiolo + Gestodene

Estinette, Fedra, Femodette, Harmonet, Milvane, Triminulet, Minulet, Gestodiol, Ginoden, Arianna, Minesse, Kipling, Liuda, Minigeste

Etinilestradiolo + Desogestrel

Mercilon, Planum, Practil 21, Securgin, Dueva, Gracial, Lucille, Novynette

Etinilestradiolo + Ciproterone

Diane, Visofid (pillola come queste NON dovrebbe MAI essere usate come pillole contraccettive !!!)

Etinilestradiolo + Clormadinone

Belara, Eve, Lybelle, Cloretinyl, Naveen

Etinilestradiolo + Etonogestrel

Explanon, Implanon (impianto), NuvaRing (anello vaginale)

Etinilestradiolo + Norelgestromina

Evra (cerotto)

Pillole di quarta generazione

Sono pillole che contengono il progestinico drospirenone. Anche queste espongono a un rischio maggiore di eventi trombo-embolici rispetto alle pillole di seconda generazione.

Etinilestradiolo + Drospirenone

Yasmin, Yasminelle, Yaz, Belara, Aliane, Daylette, Drosure, Drosurelle, Eloine, Liladros, Lusine, Lusinelle, Midiana + Etinilestradiolo drospirenone generico

NOTA BENE :
Il rischio di eventi trombo-embolici nelle pillole di terza e quarta generazione è più elevato perché contengono dei progestinici “leggeri” che non riescono a "controbilanciare" in maniera sufficiente gli effetti vascolari nocivi degli estrogeni.


[1Sì, è possibile farsi mettere uno IUD senza aver MAI avuto dei rapporti sessuali. D’atra parte la pillola viene “normalmente” prescritta alle donne che non hanno ancora avuto dei rapporti sessuali ma che hanno intenzione di averne…
Se la donna è d’accordo, cioè se non ci tiene a mantenere l’imene intatto, può farsi mettere uno IUD senza nessun problema. È però necessario che il medico spieghi per filo e per segno cosa farà. (N.B. spesso l’imene si è già rotto spontaneamente anche prima di un rapporto sessuale)
Mi è capitato diverse volte di mettere uno IUD a delle donne vergini senza che ne fossero traumatizzate : è bastato che fossero informate nei minimi dettagli e che si sentissero pronte.
D’altra parte, mi è anche capitato di vedere molte donne e ragazze traumatizzate da esami ginecologici imposti senza che fosse stato loro chiesto il consenso !!! La prima regola un medico non dice, forse, “Per prima cosa, non nuocere” ?!?
Un medico dovrebbe chiedere al/la paziente il permesso per ogni gesto che fa sul suo corpo. Non è difficile : basta che il medico dica quello che sta per fare !
E poi, per inciso, fare l’esame ginecologico a una giovane donna che va dal medico per farsi prescrivere un metodo contraccettivo è, nella maggior parte dei casi, inutile. Altrettanto inutile è, in genere, l’esame ginecologico su una ragazza che viene portata dalla mamma solo per vedere “se tutto è a posto”.
Il medico può ascoltarla, scambiare delle informazioni utili… senza per forza farle un esame ginecologico inutile !
Ogni volta che una donna è venuta da me per farsi mettere uno IUD senza avere mai avuto dei rapporti sessuali, mi sono sempre trovato di fronte una persona molto informata, che ci aveva pensato sopra, e che aveva preso una decisione oculata (nonostante molti medici l’avessero sgridata o presa in giro per questa scelta).
Ma certo, se noi medici continuiamo ad avere un’attitudine dogmatica, è ben difficile trovare delle donne che ci chiedono delle cose un po’ fuori dal comune. (Attitudine dogmatica : si traduce con espressioni del tipo “esame ginecologico a ogni donna che entra dalla mia porta”…).

IMPRIMER
Imprimer


RSS - Plan du site  - Site conçu avec SPIP  - Espace Privé