logo Winckler’s Webzine
Le site personnel de Martin Winckler
logo

 Sommaire | Edito | In italiano | Courriers et contributions | Contraception et gynécologie | Radio et télévision | Lectures | Mes Bouquins | Les médecins, les patients, et tout ce qui s’ensuit... | WebTV | Être un(e) adulte autiste...
Recherche
In italiano > Contraccezione e ginecologia >


Sono o non sono incinta ?
Articolo del 20 Agosto 2006 (Tradotto il 2 Agosto 2010)
Article du 2 août 2010

Fra le tante domande che mi vengono fatte, una delle più frequenti è questa : « Sono incinta ? ». E anche : « Rischio di essere incinta ? »

Penso sia chiaro che io a queste domande non so rispondere : sono un medico, non un indovino ! Posso darvi però delle informazioni e degli strumenti per permettervi di trovare una risposta.

Ve li presento (in sintesi) in questo articolo.
Con questi elementi dovreste vederci più chiaro...

DI MARTIN WINCKLER (tradotto da Matteo Coen)

QUALI SONO I SINTOMI DI UNA GRAVIDANZA ?

Sono molti, e molto noti dalla maggior parte delle donne. Ma non sono specifici né assoluti !

Primo sintomo : il ritardo nelle mestruazioni

Non è un segno assoluto di gravidanza !

Un aforisma medico dice « Fino a prova contraria ogni ritardo nelle mestruazioni è gravidanza ». I medici dovrebbero ricordarsene sempre (evitare molti problemi alle donne). Un ritardo nelle mestruazioni, però, non vuol sempre dire gravidanza.

In effetti :

Molte donne hanno cicli di lunghezza irregolare : le loro mestruazioni non arrivano ogni 28 giorni ma in un periodo compreso fra i 25 ed i 35 giorni (cioè con 3-4 giorni di differenza).

Perché ? La donna non è un robot né un orologio, ma un essere vivente che obbedisce alle leggi della biologia... Potete essere in perfetta salute ed assolutamente fertili ma avere per tutta la vita delle mestruazioni irregolari (con variazioni di 3, 5 o anche 10 giorni !).

Inoltre :

Un ritardo nelle mestruazioni, anche in una donna “puntuale come un orologio svizzero”, non è necessariamente un segno di gravidanza.
Perché ? Le mestruazioni arrivano in genere 15 giorni dopo un’ovulazione che non è stata fecondata. Perché questo accada è necessario che ci sia stata l’ovulazione. Ad ogni donna però può capitare di avere un “ciclo senza ovulazione” (ciclo anovulatorio). Non essendoci stata l’ovulazione né il cervello né l’ovaio hanno modo di sapere quando far terminare un ciclo e quando farne iniziare un altro. In questi casi una volta si parlava di “gravidanza nervosa” o di "gravidanza isterica" : una donna non aveva le mestruazioni, aveva dei sintomi che facevano sospettare una gravidanza (tensione al seno, nausea, crampi nel basso ventre), ma non era incinta.

Un ritardo nelle mestruazioni senza che ci sia una gravidanza "sostenuto" da un ciclo anovulatorio è più frequente durante la pubertà e dopo i 45 anni... ma può capitare ad ogni donna, in qualsiasi momento della sua vita.

A prescindere dalla gravidanza e dalla menopausa, ci sono molte situazioni che possono portare ad un ritardo nella comparsa delle mestruazioni (o anche alla loro temporanea scomparsa), ad esempio :

- l’interruzione della contraccezione ormonale. Può accadere di non avere il ciclo "naturale" anche per 2 o 3 mesi dopo la sospensione della pillola, di un impianto o di un DIU ormonale. Dopo la sospensione della contraccezione ormonale, l’ovulazione può metterci due o tre mesi a ricomparire e altrettanto tempo perché il ciclo “riparta”. Se dopo sei settimane dalla sospensione della pillola non avete le mestruazioni, non significa necessariamente che siate incinte

- La contraccezione d’urgenza con "la pillola del giorno dopo" (Norlevo o Levonelle) può ritardare le mestruazioni. Il principio di questa pillola consiste nel ritardare l’ovulazione impedendo che l’ovulo, dopo un rapporto sessuale non protetto, possa essere fecondato

- Alcune malattia della tiroide, le infezioni croniche, un dimagrimento o un aumento di peso rapidi, un’emozione molto forte (es. un lutto) possono “bloccare” il ciclo

- I trattamenti per “fare ritornare le mestruazioni” e i trattamenti contro la sterilità (... con tutto lo stress che comportano hanno la triste tendenza a perturbare il ciclo !)

E per finire :

Una gravidanza può anche cominciare senza ritardo o assenza delle mestruazioni ! In una piccola percentuale di donne durante il primo mese di gravidanza possono esserci dei sanguinamenti che rischiano di essere scambiati per sanguinamenti mestruali.
Ma può anche accadere questo : una donna può restare incinta pur prendendo la pillola (magari ha dimenticato una delle prime pillole della scatola...) e può anche avere dei sanguinamenti al momento della sospensione della pillola (questi sanguinamenti sono dovuti alla sospensione della pillola). Ma è davvero incinta !


E allora ? Come faccio a sapere se sono incinta ?
Fai un test ! ! !


Secondo sintomo : il gonfiore del seno

Spesso il sintomo che appare per primo è il gonfiore del seno, a cui può anche associarsi una maggiore sensibilità. È un sintomo molto caratteristico che in molte donne compare anche alla fine del ciclo (prima delle mestruazioni).

A cosa è dovuto ? A l’azione degli estrogeni : questi ormoni stimolano le ghiandole del seno, che si riempiono di acqua per prepararsi ad un’eventuale gravidanza. A fine ciclo, gli estrogeni sono al top. Se la donna però non è incinta la produzione di questi ormoni cala, compaiono le mestruazioni e il seno si sgonfia in qualche giorno.
Se la donna è incinta, però, l’embrione stesso comincia a produrre degli estrogeni che stimolano le ghiandole del seno.

Concludendo : se una donna ha dei rapporti sessuali non protetti + uno strano ritardo nelle mestruazioni + il seno gonfio e dolente, ci sono forti probabilità che sia incinta SE il ritardo delle mestruazioni e il rigonfiamento del seno è superiore a 7 giorni.
Se il ritardo è inferiore ad una settimana, può trattarsi di un ciclo senza ovulazione (infatti dà gli stessi sintomi).


E allora ? Come faccio a sapere se sono incinta ?
Fai un test ! ! !


Terzo sintomo : nausea e vomito

Anche in questo caso non si tratta di un segno inequivocabile di gravidanza. Alcune donne non hanno questi sintomi pur essendo incinte. O magari i sintomi compaiono solo durante certe gravidanze e non in tutte !

Spesso questi sintomi cominciano solo dopo molte settimane di gravidanza, e non averli non significa non essere incinte.

Nausea e vomito possono avere molte cause : gastroenterite (influenza intestinale), ansia o stress, intossicazione alimentare, farmaci, etc.
Tuttavia se a questi sintomi si associano un ritardo nelle mestruazioni e un seno gonfi e dolente, bé... è proprio alla gravidanza che si deve pensare.


E allora ? Come faccio a sapere se sono incinta ?
Fai un test ! ! !


Altri sintomi che si associano alla gravidanza

Alcune donne quando sono incinte :
ingrassano
hanno molto più appetito o -al contrario- l’appetito scompare
hanno voglia di dormire
hanno sempre la pipì

Questi sintomi non sono affatto specifici : possono comparire in molte altre situazioni e non solo durante la gravidanza.

Tutti i sintomi che ho elencato, comunque, sono solo ci carattere puramente indicativo !!!

Per sapere a colpo sicuro se sei incinta...

Fai un test !

Ho avuto un rapporto sessuale non protetto. Rimarrò incinta ?

Non è possibile rispondere a questa domanda. I fattori che possono portare ad una gravidanza sono tantissimi !
Esistono comunque due metodi di contraccezione d’urgenza che possono essere utilizzati durante i primi cinque (5) giorni che seguono un rapporto sessuale non protetto e permettono di evitare una gravidanza nella stragrande maggioranza dei casi.
Leggere l’articolo sulla contraccezione d’urgenza.

Non esistono altri metodi di contraccezione d’urgenza al di fuori di quei due. I “farmaci per fare venire le mestruazioni” prescritti da certi medici non sono metodi contraccettivi d’urgenza !!

Non ho preso una contraccezione d’urgenza, e ho paura di essere incinta...

- Come faccio a sapere a colpo sicuro se sono incinta ?

- Facendo un test di gravidanza sull’urina.
Questo test si trova in farmacia e spesso anche nei grandi magazzini. In alternativa potete farvi prescrivere dal medico un esame del sangue. In ogni caso sono questi due i metodi che vi permettono di avere una risposta certa nel più breve tempo possibile.

Il test di gravidanza dà risultati positivi solo qualche giorno (da 4 a 6) dopo il ritardo nelle mestruazioni (vale a dire prima dell’ecografia e prima di qualsiasi sintomo).

- I test sull’urina sono attendibili ?

- Sì, tanto quanto l’esame del sangue (e inoltre costano meno, e non c’è bisogno di andare dal medico). È essenziale che però che il test non venga fatto troppo presto.
Se lo fate prima di avere un ritardo nelle mestruazioni o il giorno dopo aver avuto un rapporto sessuale non protetto, il test sarà senza dubbio negativo. Solo dopo 4-6 giorni da un ritardo nelle mestruazioni il test sarà positivo... be inteso, se la gravidanza ha avuto inizio.

- Il test può dare un risultato negativo anche se io sono incinta ?

- Sì, se è fatto troppo presto (ad esempio meno di 15 giorni dopo un rapporto sessuale non protetto).
Rifatelo 15 giorni dopo un rapporto sessuale non protetto, o dopo 4-6 giorni da un ritardo nelle mestruazioni : in caso di gravidanza sarà positivo. Se è negativo, invece, la probabilità che voi siate incinte è bassissima. Tre settimane dopo un rapporto sessuale non protetto, un test negativo vuol dire che non siete incinte.

- Mentre si aspetta di avere una risposta sicura, cosa bisogna fare ?

- Se non volete restare incinte prendete delle precauzioni !!! Il rapporto sessuale che avete avuto forse non è stato fecondo, ma avendo altri rapporti il rischio aumenta ! Ricominciate a prendere la pillola, usate dei preservativi, praticate l’astinenza, ma evitate di ritrovarvi incinte quando magari non lo siete !!!


Ho smesso di prendere la pillola, ho avuto le mestruazioni qualche giorno dopo, non l’ho ripresa... ma adesso sono due mesi che non ho le mestruazioni, e non sono incinta. Perché ?

Le mestruazioni naturali fanno seguito ad un ciclo ovulatorio durante il quale la donna ha ovulato, ma non è stata fecondata.
Tuttavia, quando si prende una contraccezione ormonale (pillola, impianto, DIU -“spirale”- ormonale), la donna non ha cicli ovulatori. Gli ormoni contraccettivo sospendono l’ovulazione. Niente ovulazione = niente gravidanza, ma anche = niente mestruazioni.

Molte pillole si prendono per tre settimane, con una sospensione alla quarta. Durante la settimana di sospensione, l’ovulazione è ancora addormentata, e l’utilizzatrice è ancora protetta contro una eventuale gravidanza. Dal momento che il ciclo ovulatorio è sospeso, i sanguinamenti che appaiono fra una confezione di pillole e l’altra non sono delle mestruazioni ma sono dei sanguinamenti artificiali provocati dalla sospensione temporanea della pillola. Leggete questo articolo. Durante le tre settimane in cui si prende la pillola, gli ormoni stimolano la parete interna dell’utero facendola ispessire. Quando si smette di prendere la pillola la parete non è più stimolata e si stacca : ecco perché compaiono i sanguinamenti.
Dal momento che questi sanguinamenti non sono mestruazioni, non bisogna sentirsi "rassicurate" contro una eventuale gravidanza. Possiamo anche dire che... non servono a nulla.
È assolutamente possibile prendere la pillola senza interruzioni. D’altronde molte donne che usano un impianto lo tengono per 3 anni... e durante quel periodo non sanguinano affatto. Prendere la pillola senza interruzioni è la stessa cosa. La maggior parte dei medici però queste cose non le dicono. Quindi chi usa la pillola si ritrova a prenderla per 3 settimane, e a sospenderla per una, e tutto questo per “avere delle mestruazioni”... che non sono affatto mestruazioni !

- Ok, ma dal momento che quando si sospende la pillola per una settimana abbiamo dei sanguinamenti, perché allora le mestruazioni non ritornano subito quando si prende la pillola in maniera definitiva ?
- I sanguinamenti che appaiono alla fine di una confezione sono dovuti alla sospensione della pillola, come ho spiegato sopra. Non bisogna dimenticare però che prendere la pillola ha lo scopo di addormentare l’ovulazione, e questo “sonno” può durare tanto o poco a seconda della donna ...
Il ciclo alla fine può ricominciare in maniera naturale anche dopo due mesi. Si possono quindi avere dei sanguinamenti subito dopo aver finito una confezione di pillole e poi non avere le mestruazioni per molte settimane.
Non tutte le donne vivono tutto questo in maniera problematica : in genere è fonte di inquietudine per quelle che hanno una gran voglia di avere un figlio, o -al contrario- per quelle che sono angosciate all’idea di averne uno.
Leggere l’articolo sulle mestruazioni


Martin Winckler
(Tradotto da Matteo Coen).

IMPRIMER
Imprimer


RSS - Plan du site  - Site conçu avec SPIP  - Espace Privé